Storia

L’associazione Missione Shahbaz Bhatti onlus (MSB) si ispira al pensiero e all’impegno generoso di Shahbaz Bhatti, Ministro federale delle Minoranze Religiose e dell’Armonia Nazionale del Pakistan dal 2008, assassinato il 2 marzo 2011. Shahbaz Bhatti ha dedicato gran parte della sua vita alle persone più deboli, alle vittime della violenza e del terrorismo e, in particolare, alla minoranza cristiana perseguitata in Pakistan.
Shahbaz amava dire: “Il non coinvolgimento non può essere un’opzione” e proprio grazie al suo impegno e al suo amore verso gli altri, verso tutti e indistintamente, Shahbaz è diventato un simbolo per le minoranze perseguitate ed è tuttora conosciuto dai cittadini pakistani come “il Ministro Buono”; aveva capacità carismatiche nel dialogare con i rappresentanti di altre religioni, anche a livello internazionale, dove ha guadagnato grande stima e ammirazione. Con fede incrollabile e incessante impegno Shahbaz è riuscito ad apportare grandi cambiamenti politici e ha contribuito al miglioramento delle condizioni di vita delle persone appartenenti alle minoranze religiose.

I risultati che lui ha ottenuto sono a dir poco impensabili per una realtà difficile come quella del Pakistan, dove tuttora molti cercano di imporre la legge della Shari’a. Shahbaz Bhatti ha creato sale di preghiera per i cristiani all’interno di diverse istituzioni di governo in Pakistan, ha istituito comitati per il dialogo interreligioso, che ha poi portato al Parlamento pakistano, ottenendo anche l’approvazione di quattro seggi riservati ai membri delle Minoranze religiose: questo traguardo diventa ancora più significativo se si pensa che fino a pochi anni fa l’esistenza di una rappresentanza delle minoranze religiose all’interno del Parlamento pakistano era assolutamente inconcepibile. Durante tutta la sua vita Shahbaz ha promosso e favoritole relazioni tra musulmani, cristiani e le altre tradizioni religiose, rimanendo fedele a Gesù Cristo fino al suo ultimo respiro.

Il suo martirio, avvenuto il 2 marzo 2011 per mano di estremisti, non poteva lasciare indifferenti. Il fratello maggiore di Shahbaz, Paul Bhatti avvertendo chiaramente quanto Shahbaz fosse amato dal popolo pakistano, ha voluto raccogliere la sua eredità e continuare l’opera che egli aveva iniziato, per dare speranza ai poveri e a quanti vengono perseguitati a causa della loro fede.

Proprio con queste stesse finalità è stata costituita in Italia l’associazione MISSIONE SHAHBAZ BHATTI Onlus (MSB). Le persone emarginate e perseguitate a causa della loro fede avvertono infatti il peso della solitudine e dell’indifferenza rispetto alle gravi violazioni che subiscono in tema di libertà religiosa e dignità della persona umana. Per questo MSB vuole dedicarsi alle persone più deboli, senza distinzione di religione, razza, lingua o qualsiasi altra condizione personale e sociale, al fine di perseguire esclusivamente il loro bene; MSB non svolge attività politica di parte, ma, grazie anche all’entusiasmo, all’appoggio e all’impegno di numerose persone, opera attraverso progetti concreti per la libertà religiosa, la dignità umana e la giustizia sociale, valori intensamente vissuti da Shahbaz nella sua fede cristiana cattolica.

Possono aderire all’associazione tutti coloro che condividono la visione di Shahbaz Bhatti e che desiderano partecipare attivamente a questa missione, per poter creare una società fiorente e pacifica in Pakistan, dove le persone di qualsiasi fede possano finalmente essere rispettate, vivere con dignità e senza paura.